Introduzione a Sgalambro

Antonio Carulli
ℹ️ © Il Nuovo Melangolo, 2017

Recensioni

Nella forma apparentemente piana di una biografia intellettuale, in quella che si presenta come la prima monografia esaustiva su Manlio Sgalambro a tre anni dalla morte, l’autore ne svela le origini e gli inizi del cammino di pensiero, ricostruisce il paesaggio filosofico nel quale si compì la sua formazione, ne illustra e discute le vette speculative toccate nelle opere maggiori come La morte del sole e il Trattato dell’empietà, ne segue gli sviluppi attraverso una paziente collocazione degli articoli di giornale e rivista fino agli esiti degli ultimi libri filosofici e poetici, delineando in modo chiaro e distinto le posizioni del pensatore siciliano sul Vero, il Bene e il Bello, vale a dire negli ambiti della metafisica, dell’etica e della politica, dell’estetica. Quello che ne risulta è un vibrante “esercizio di ammirazione” che non si sottrae al compito di segnalare le debolezze e i limiti del filosofo che rovesciò uno dopo l’altro con indiavolata lucidità alcuni tra i principali fondamenti inconcussi del pensiero occidentale.

Piercarlo Necchi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *