Dal ciclo della vita

Manlio Sgalambro
— © Il Girasole Edizioni, maggio 2014

Dal ciclo della vita

Recensioni

La poesia al massimo – o al limite – decreta, non descrive. Ammirare l’elegia che ci circonda non comporta che tutto educatamente sia ascrivibile o classificabile. Esiste uno status che travalica e connota oltre l’apparente. È facile impaludarsi nel visibile.
Allora, la ricerca che coniuga traversie e intelligenza diventa vestigio siderale. Il linguaggio non può evocare il soffio del decoro. Esso affonda anche nell’impoetico (ma cos’è, poi, tale novero?) per riemergere come trasalimento, attraversando il deserto temporale che incarna per farsi espressione di “detti irreali”.
Questo testo di Manlio Sgalambro è disseminazione di scandagli e dissezioni perenni che, nell’atto stesso in cui vengono celebrati, si ammantano di sortilegi, dovizie, di dolente irrisione. Si allarga il dileggio della “dannazione eterna” che innerva vita e morte come costellazione di scrittura intenta a “scardinare il suono delle parole” in quanto il “ciclo continua” giacché “nell’atto del pensare di dispose il destino”.

Angelo Scandurra

grazie a Angelo Scandurra

Dal ciclo della vita 1

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *